francoCAVALLARO
                          INFO@FRANCOCAVALLARO.COM
 

HOME   •  FRANCO CAVALLARO   •  PREMESSE   •  RECENSIONI   •  CONTATTI

     
FAVELA ROCINHA
È la più grande Favela di Rio de Janeiro, del Brasile e forse di tutta l’America Latina.

Si trova sul Morro (collina) “Dois Irmãos”, che separa "Gavea" da “São Conrado”, due dei più ricchi quartieri di Rio, in una posizione privilegiata, dalla quale si vedono la foresta e le spiagge.

Pare che ospiti oltre 350 mila abitanti, quasi tutti poverissimi, la maggior parte dei quali proveniente dalla Regione Nordeste e dal Sertão, una delle zone più disastrate dalle siccità.

Negli ultimi anni, molte Favelas di Rio sono state smantellate e i loro abitanti sono stati trasferiti in nuovi quartieri, dove le abitazioni sono più confortevoli ma dove la mentalità è rimasta quella dei favelados.

Rocinha però non è stata toccata ed è diventata la Favela più urbanizzata di Rio.

È servita da elettricità e si calcola che almeno il cinquanta per cento dei suoi abitanti abbia l'acqua corrente.

Vi sono negozi di abbigliamento, drogherie, bar con tavole calde, empori, macellerie, panifici, discoteche ed una filiale di Banca.

Rocinha fornisce a Rio:

  • portieri di edifici

  • lavoratori di Hotel

  • manodopera che trova occupazione ad Ipanema a Copacabana ed ai quartieri vicini.

Pur essendo ricca, rispetto alle altre, Rocinha è pur sempre una Favela con le sue caratteristiche:

  • fognature inesistenti e quindi scarichi a cielo aperto

  • raccolta dei rifiuti sporadica

  • condizioni sanitarie deplorevoli (con la popolazione di una città, esiste una sola clinica, scarsamente attrezzata)

  • durante la stagione delle piogge vi sono smottamenti del terreno che provocano numerosi morti.

Recentemente Rocinha è diventata un centro redditizio per lo spaccio di cocaina e marijuana ed il traffico, esteso anche alle altre Favelas, è controllato da bande di spacciatori che, per la supremazia, lottano tra loro con estrema violenza, uccidendo spesso vittime innocenti.

Oggi nella Favela è possibile visitare asili, scuole ed associazioni che si occupano del recupero dei bambini e che gradiscono offerte, che utilizzano per migliorare le loro strutture.

Molti turisti non si lasciano sfuggire l’opportunità di visitare una Favela, magari per raccontare agli amici di avere fatto una simile esperienza.

È attiva la “Escola de Samba Acadêmico da Rocinha” che durante il Carnevale sfila nelle strade di Rio de Janeiro.

Gilberto Gil, il Ministro della Cultura del Brasile, ha realizzato, all’ingresso della Favela dalla parte di Gavea, uno Studio di Registrazione dove vanno ad incidere i più famosi artisti.

Anche il giornalista CARLO CASTELLANETA in un articolo del 21 novembre 1978 pubblicato da “LA STAMPA” ha descritto la Favela Rocinha definendola il simbolo delle contraddizioni sociali del Brasile.

Franco Cavallaro devolverà il dieci per cento del ricavato della vendita del libro e comunque una somma non inferiore a 500 €uro, agli abitanti della Favela Rocinha di Rio de Janeiro, che porterà personalmente durante il 2006 o che farà pervenire tramite l’Ambasciata Brasiliana – Roma.

Donazione Agosto 2006
Donazione Novembre 2006



 
COPYRIGHT © FRANCO CAVALLARO. ALL RIGHTS RESERVED.